Ferrata Guzzella: quando il Grappa ci irride per la seconda volta

Mesi di inattività. E dove andiamo con poca macchina e abbastanza dislivello per poter cominciare un allenamento serio? Sul Grappa a fare la ferrata Guzzella!

La mattina parte tranquilla, sveglia tarda, sole, caldo, praticamente primavera. Rivedo Zamba dopo un po’di tempo.
L’ultima ferrata della stagione scorsa l’ha fatta con me. Attenzione a questo particolare.
L’avvicinamento alla Guzzella parte da San liberale, alle pendici del Grappa, ed è simile a quello della ferrata Sass Brusai: un fastidio che parte subito violento.
Dopo un traverso abbastanza in quota nel bosco,dove siamo soli, ad un certo punto, la svolta in mezzo alle foglie secche: va su dritta, dritta per le curve di livello.
Conto a naso 400 mt di dislivello in un ora fino ad adesso, ma adesso? mancano 200 mt in teoria all’attacco…e poi lo vediamo…è li quel ca**o di cartello del cavolo, li in cima.
Zamba mi guarda e mi dice “ma è quello li?”. Si, entrambi ci rendiamo conto che è quello li il cartello.
Si “rumega” nel sottobosco fino al cartello, che a pochi metri conduce all’attacco. Ci sediamo su alcune rocce e tiriamo fuori l’imbrago.

Continua la lettura di Ferrata Guzzella: quando il Grappa ci irride per la seconda volta

Sass Rigais: il cielo sudato

Doveva essere una ricognizione. Una ricognizione per tornare in seguito con mio papà su una delle cime che voleva ripetere. Volevo capire se potevo portare una persona con con qualche “presunto” problemino di cuore.

Il Sass Rigais è una delle montagne che si erge impervia sulla val di Funes, mentre dal lato gardenese è assolutamente meno minacciosa e parte da un magnifico altipiano prativo sul Col Raiser. Abituato a vederlo in inverno, non mi ricordavo che fosse così bello in estate. Perfino IL “trentino” che veniva con me ha dovuto ammetterlo.

“La Sass Rigais è facile”

Devo dire che la ferrata in se non è per niente difficile. Ma citando un romano che è salito e sceso con noi:

Nun sò li bracci, nun sò le gambe…sò proprio li coj@ni che me fanno male!”

Nel senso che l’attacco lo si trova dopo una risalita su ghiaioni di 800 m. E che salita. Devo dire che l’ho odiata da morire. Ma se riguardo le foto adesso…che spettacolo di posto!

L’aspetto tragicomico di Zamba ed io che abbiamo finito l’acqua praticamente ad inizio ferrata e con Zamba che tenta di impietosire i passanti per farsi mollare un goccio non è da sottovalutare. E ci mancava ancora la salita alla cima altri 200 m di salita e altri 1000 in discesa!

Una foto…delle cime!

Gli ultimi chilometri, inseguiti dal maltempo, siamo stati tentati di fermarci accasciati ad uno steccato e basta…una sete boia!!!! Zamba aveva anche pensato di bere da una pozzanghera in mezzo al pascolo, alla faccia dei colifecali!

Ma alla fine la sensazione di benessere e soddisfazione di una bottiglia di acqua e svariati litri di birra all’arrivo della funivia sono stati incredibili!

Perfino Giorgia, al rientro, non ci riconosceva più. Eravamo pesantemente disidratati. Ma che spettacolo la cima!

Per arrivare al cielo stavolta abbiamo veramente sudato!

Grazie papà, per avermi citato mille volte questo posto, per avermi “tirato” su questa cima! E per avermi portato su quasi tutte le cime che riesco a scorgere quando salgo nell’aria sottile delle Dolomiti.

 

 

 

Distanza totale: 10.06 km
Totale salita: 1097 m
Totale discesa: -1009 m
Scarica

Festival Orme: ottimo inizio!

Un mesetto fa abbiamo fatto un giretto al Festival Orme, Fai della Paganella, in fase nascente, sul tema dei sentieri, della montagna, del cammino e della natura…è stata una esperienza molto positiva! Decisamente ben organizzato e con molti ospiti, anche importanti, come Neri Marcorè. Gratuitamente, che non fa mai male, noi abbiamo scelto il sentiero della musica:un bosco di musiche molto diverse, dalle fisarmoniche e il tango dell’Ensemble Victoria, al quartetto d’archi dei Cameristi dei Filarmonici di Trento, e finendo con un concerto di musica folk con Giorgio Gobbo e Ivan Tibolla…è stata una esperienza ottima e l’anno prossimo, da ripetere.

In ultima vorrei fare i complimenti per la scelta delle grafiche e delle illustrazioni, opera di una illustratrice di cui ho riconosciuto subito il tratto, intuisco per certo anche lei amante della natura e dei boschi, Maria Marega. Il segno che in un evento gratuito queste hanno giocato il loro gioco: abbiamo comprato tutti la maglietta!

 

Responsabilità civile nelle escursioni: un argomento poco considerato

Un momento di disattenzione o un evento imprevisto possono cambiare una giornata di divertimento in una giornata di dispiaceri.

Siamo a inizio della stagione bella e, giusto per fare un po’di terrorismo, calchiamo un argomento poco conosciuto e cui normalmente non si pensa prima di partire tutti contenti in una escursione, è quello della responsabilità. Sembra ovvio che ognuno si assume la responsabilità dei rischi muovendosi in un ambiente impervio, qualunque esso sia, ma in realtà non è così. Stiamo qui parlando del frequentissimo caso di escursioni fra amici, magari neofiti o male attrezzati, di livelli esperienziali molto diversi.

Dovete sapere che la giurisprudenza è abbastanza unanime nell’attribuire gli oneri di eventuali incidenti in modo proporzionale all’esperienza di ognuno. E’ il motivo per cui ognuno dovrebbe accompagnarsi almeno con gente che conosce bene nelle salite, specialmente tra le montagne, dove i rischi oggettivi sono molto più numerosi.

Questo non si applica naturalmente alle guide alpine, dove il rapporto guida-cliente pagante da tutta la responsabilità ovviamente alla figura della guida.

Vi lascio ad alcuni link molto interessanti in merito, che vi diano un po’ di spunto per rifletterci su.

http://www.ilmountainrider.com/natura/la-responsabilita-civile-in-montagna/

http://www.valtellinamobile.it/informazioni-utili/responsabilita-civile-nelle-escursioni-montagna/

http://www.passionemontagna.com/PM_blog/it/it-responsabilit-civile-nelle-escursioni-tra-amici.html

 

 

 

Alta via Bepi Zac

Nella scorsa stagione abbiamo percorso l’alta via Bepi Zac, un sentiero attrezzato  che corre sulla cresta di Costabella, nei pressi di passo san Pellegrino.

Si tratta di un sentiero davvero davvero bello, non molto esposto, con possibili vie di fuga, quindi adatto anche ai neofiti, purchè abituati alle camminate lunghe. Noi abbiamo percorso la prima parte, perchè, con la fortuna che ci caratterizza, la giornata non è stata meteorologicamente favorevole. Eravamo a luglio e nevischiava.

Il sentiero permette di assaporare la roccia, di vivere letteralmente la storia correndo tra trincee rimaste praticamente intatte, corre tutto in cresta tra i 2600 m e 2800 m: panorama infinito ma esposto ai venti e molto soggetto ai cambiamenti meteo rapidi tipici dell’alta montagna.

Anche grazie all’innevamento inesistente dell’anno scorso,è stato qualcosa di molto istruttivo, sia sul piano dell’alta quota, sia sul piano storico ed ha lasciato a tutti noi qualcosa. Abbiamo tristemente ritrovato una vertebra bianca come la dolomia su una delle cime (poi rivelatasi di cavallo da tiro o comunque di un grosso animale) e la testa di un femore verso fine escursione.

La giornata è iniziata con lungo, tragico, e forse un po’fantozziano, tragitto fino a passo San Pellegrino, trovando sempre un qualche veicolo lento davanti…lungo avvicinamento in salita (tagliando ovviamente con seggiovia), che sembra vicino, ma non lo è…la classica salita che dici “si dai, è lì”, poi dopo un’ora se ancora li che manca un po’!

Alla fine però, diciamolo, sarà la nostra escursione che passerà alla storia per:

  1. si sono viste le maggiori impreparazioni ed errori sui materiali da ferrata;
  2. ci sono state le peggiori molestie sia maschili che femminili,
  3. ci sono stati i migliori commenti lesbo.

Sul punto 1 mi sento di dire che ho visto di tutto, dalla coppia che faceva trail senza imbrago, al signore di una certa età con elmetto in metallo (e non ho detto caschetto) colore blu, stile Messner dei  primi anni, io provo finalmente il mio fantastico kit nuovo, tralascio i commenti sugli imbraghi perchè sull’argomento mi viene in soccorso il fatidico punto 2.

Ebbene si, incontriamo all’attacco un gruppetto di signori, un po’avanti con l’età, che faticano a imbragarsi, palesemente non preparati. Decidiamo, come dovere umano, di fermarci e fare un minimo di training, oltre che dare una mano. Uno di noi viene palesemente palpeggiato sulle parti intime da una signora,  camuffato da interesse sul come si indossa l’imbrago, e qua la molestia donna-uomo. Un’altro di noi tenta di far indossare un imbrago palesemente troppo piccolo (modello 12 anni) a un omone molto corpulento, anche visibilmente preoccupato, spiegandogli che però avrebbe dovuto tirare molto “lì” per entrarci…”ma e non mi dai una mano a far passare l’imbrago in mezzo alle gambe?”..e la molestia uomo-uomo è stata oramai perpetrata.

Spieghiamo il funzionamento base, e vista la mala parata, gli sguardi dei molestati e la segreta paura di essere diventati ormai troppo intimi, decidiamo di staccarci e aumentare il passo e via su per la cresta, e con un po’di saliscendi, su un anfratto ci ripariamo dal vento a mangiare e ci raggiunge un gruppone e passandoci affianco avviene la molestia numero 3.

Ovvero due signore ci passano affianco, una di loro si blocca di botto, si gira ed esclama alla volta dell’unica ragazza presente “Tu, che begli occhi azzurri che hai!”..rimaniamo un secondo interdetti di come a 2750 m di quota in mezzo al nevischio qualcuno cosi a caso si fermi in un posto infame a dirti una cosa del genere. “E buona passeggiata”.

Alcuni passaggi in vallate solitarie dove effettivamente il cuore ci si allarga, una scala bastarda finale su cui scattiamo delle foto dedicate al uno sponsor alcolico, e poi discesa “sciata” su ghiaione finale di grande soddisfazione.

Notare lo sponsor:
Il Gottino Bar Enoteca Padova (PD)

Devo tornare, prima o poi, sulla seconda parte.

Shortcode:

Distanza totale: 7.49 km
Totale salita: 788 m
Totale discesa: -769 m
Scarica

Proposte per le vostre domeniche: escursioni, itinerari, mete e aspetti naturalistici. Tanto materiale informativo, consigli e fotografie!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: