Giro del Paterno: circumnavigando la storia

E’ offuscato dalle sue sorelle molto famose, le Tre cime, ma è stato, come loro, teatro della guerra, mentre ora resta uno dei luoghi più magici delle montagne italiane.

Il giro fatto da noi è un giro lungo per la media, non lo nascondo, ma comunque fattibile. E il panorama è insuperabile. A differenza delle Tre Cime, iperfrequentate, il Paterno resta un monte “di nicchia” per intenditori, e ce lo confermano i pochi incontri di gente (che finalmente saluta!) appena imboccato il sentiero 104 che esce dall’itinerario delle Tre cime per percorrere il periplo della catena montuosa, fino al Rif. Pian di Cengia. Il rientro fino al Rif. Locatelli (lungo il sentiero 101) è un ghiaione con vista su laghi alpini molto suggestivo.

E se al tramonto verso il ritorno avete la possibilità di guardare le tre cime dal Rif. Locatelli, probabilmente riuscirete a capire perché gente matta come noi si affanna su per i ghiaioni in ogni momento libero.
Da non perdere almeno una volta nella vita.

Distanza totale: 14.23 km
Totale salita: 807 m
Totale discesa: -774 m
Scarica

Giorgio M.

Ingegnere, amante della natura e suo frequentatore, da sempre, in molte declinazioni, membro del Club Alpino Italiano, preferisce la montagna ma è curioso di conoscere e scoprire altri ambienti. Ama le altezze, i boschi, i luoghi selvaggi e solitari e gli piacciono i viaggi alla scoperta di cose nuove. Senza la pretesa di essere un esperto, ha aperto questo sito per consigliare e invogliare i più pigri verso le rughe più belle e più nascoste della terra, spesso a due passi da casa. Dettagli attività.

Vuoi dire o chiedere qualcosa? Scrivilo qui!