Speciale Scotland: tra fantasmi, scogliere, highland e whiskey

E cosi le foto alla fine le abbiamo quasi tutte riordinate…e ne abbiamo scelte alcune da portare qui, a corredo di un viaggio che rimarrà a lungo a ronzarci in testa.
Insomma il viaggio che non si poteva fare, perchè il tempo e perchè i soldi e perchè perchè perchè…alla fine lo abbiamo fatto!
Ed e stata una figata!

La Scozia ha molto da dire, e, non me ne voglia nessuno, gli scozzesi definitivamente, incredibilmente NON sono inglesi (per la loro gioia dovevo dirlo).
Abbiamo trovato sempre persone mediamente aperte e decisamente non c’è mai stato il problema di mangiare,di cosa mangiare, di dove mangiare, di quando mangiare. Il che toglie molto dell’avventura, ma rende molto piacevole la permanenza. Ecco sull’inglese degli scozzesi, come è noto, bisonga chiedere quasi sempre la cortesia del “repeat please”, ma non troverete mai nessuno poco disposto a spiegarsi in modalità più semplici.

Edimburgo

Due giorni ad Edimburgo li consiglio a tutti. Specialmente se come noi arrivate nel periodo del Fringe, un festival di teatro e spettacolo che letteralmente riempie la città. Per gli standard italiani non c’era tanta confusione, ma per gli scozzesi abbiamo capito che era un dramma.
L’ apertura degli scozzesi ci e stata subito esplicita quando il nostro tassista, con un taxi dal colore improbabilmente rosa (altro che black cabs!) ci offre dalla vaschetta una fragola. Si perché i berryes, tutti i berryes (fragole, mirtilli, more, etc.), saranno presenti sempre e devo dire che sono decisamente buoni! Vale la pena di girare abbastanza per Edimburgo, vi do alcuni spunti che sono stati per me una scoperta:
– i cimiteri, aperti anche di notte, da vedere Calton Hill by night
– fish and cips di livello bestiale (consiglio Bertie’s sul Royal mile)
– il castello, sarà il primo di una luuuunga serie
– i Princess Street Gardens

Il Fife e Stonehaven

Usciti da Edinburgo…via verso le Higlands! Il primo impatto con le strade scozzesi con quida a sinistra e ricche di “passing place” è interessante… quante figure di m…

Piccolo tutorial per l’uso dei passing place per italiani:
Le strade scozzesi sono per larga parte monocorsia, ma ogni 500 m circa, c’è una piazzola, il “passing place”, funziona così: ogni volta che siete vicini a una piazzola guardate avanti e vedete se c’è un altra macchina, se c’è, buttatevi nella piazzola, ha lei la precedenza..mi raccomando QUELLA DI DESTRA!

Fermate obbligatorie: Sant Andrews

Moray Firth

Se volete una strada mortale…andate a Pennan!Ne vale comunque la pena. E magari un giro a gustarvi la prima camminata verso le scogliere: Troup Head (non facile da trovare!) se trovate una fattoria, dovete passarci attraverso. Interessante quanta camomilla ci sia sul sentiero, ma consiglio di usare le mappe free opencyclemaps per orientarsi. Interessante anche un giro a Cullen, ma fermatevi a mangiare in un posto che da fuori non direste ma dentro è veramente molto carino e buono: The Fly Cup. A Elgin, troviamo un nubifragio…peccato la cattedrale sarebbe stata interessante, ma è flooded (allagata).

Da Nairn a Golspie

Tappa molto più densa, la Scozia diventa un pizzico più cruda e più…nordica!
Noi abbiamo alloggiato al Beech Tree Lodge, sembra caro per essere fuori mano, ma vale decisamente la spesa e Mark saprà conquistarvi!
Da vedere:
– Fort George
– Culloden battlefield
– Clava Cairns
– Castello di Urqhart

Da Golspie a Tongue

Tempo molto scozzese ci costringe a fare dribbling sulle fermate, ma comunque riusciamo a vedere Dunrobin Castle con i suoi fantasmi, i suoi rapaci e gufi!.. e poi il mitico Sinclair Castle, che in mezzo a un diluvio, dopo 20 min di cammino, appare su una scogliera. Una vista che non dimenticherò facilmente. Infine il John o’ Groats, il punto più a nord del Regno Unito, fa respirare aria di mari del nord (umida).

Da Tongue a Ullapool

I paesaggi sono decisamente più estremi, anche se la solitudine totale non è una prerogativa della Scozia di agosto, ma alcuni punti in cui spingere lo sguardo molto lontano riusciamo a trovarli. Tappa allo Smoo Cave, dove piove che dio la manda e soprattutto dove il fiume sembra fatto di birra! E all’ Ardvreck Castle, come sempre sembra di essere in un film.

Da Ullapool ad Applecross

Da giorni sognavo un caffè corto…e attratto dal nome mi sono fermato qui: al The Mountain Coffee Co . Il caffè ristretto era discreto, visto dove eravamo, ma il posto da il senso della frontiera: torte, libri, caffè, mix di tutto un po’…

Forse i due momenti epici sono l’arrivo alla spiaggia di Red Point (vale il viaggio) e la salita e discesa per l’arrivo ad Applecross lungo la famigerata Bealach na Ba Road, che, viste le nostre Alpi non fa tanta tanta paura, ma devo dire che l’incompetenza generale dei guidatori, la guida a sinistra e il sistema dei passing place, qualche ansia la mettono. Applecross è un posto da vedere, e penso che il turismo non lo farà rimanere così a lungo. Consiglio l’Applecross Garden per la sera…atmosfera unica e all’uscita all’imbrunire troverete forse come noi un branco di cervi che indisturbati si avvicinano alla strada.

Da Applecross all’isola di Skie

La vista di Applecross la mattina è spettacolare. Ho seriamente pensato di abbandonare i miei problemi in Italia e starmene li. Serio. Ho titubato quando mi han chiamato dalla macchina. I panorami sono da urlo, e ci trasferiamo all’isola di Skye, la più famosa. Tappa al castello di Dornie.

Skye e la Trotternish Peninsula

Skye non mi sta simpatica. Lo ammetto ha paesaggi incredibili, ma i turisti sono decisamente troppi e qui abbiamo grosse difficoltà a mangiare la sera, bisogna mettersi in coda 2 ore prima a Portree! Consiglio fuori città verso Uig, The Galley, cucina di pesce decisamente abbordabile. Nella giornata conto 11, e dico 11, cambi meteorologici, dall’acquazzone al sole caldo. Visto che abbiamo fortuna affrontiamo la salita all’Old Man of Storr sotto il più forte diluvio da quando siamo in Scozia. I miei compagni di viaggio hanno ovviamente il morale alle stelle.

Skye parte ovest

La parte più a ovest riserva una sorpresa per me che vale il giro: Coral Beach e il faro di Neist Point. Sull’ultimo dovete mettere in conto una certa fatica, discesa e risalita al faro fanno sudare. Panorami incredibili. Infine arriviamo a fine giornata a fare una capatina alla whiskeria più famosa di queste terre “Tallisker”: non vale la pena, a meno che non siate degli appassionati. Dico una cosa su tutte: il costo della bottiglia comprato in distilleria è più alto che comprato su Amazon. Questo per me è già indicativo. Detto questo, il whisky assaggiato li ha un fortissimo sapore di affumicato, molto molto particolare.

Road of the isles e Glencoe

Usciamo da Skye, in traghetto, per dirigerci sulle tracce del binario 7 3/4 di Harry Potter: Glenfinnan. Si non ve l’ho detto, ma lo saprete anche voi, Harry Potter da queste parti è un motivo molto molto ricorrente. Dormiamo alla Craiglinnhe House, e devo dire servizio altissima qualità per quanto pagato. Arredamento assolutamente scozzese, molto antico, e colazione spaziale.

Loch Lomond e il Trossachs National Park

Rientriamo verso Edimburgo e i panorami “nordici” lasciano il posto a più civiltà. Ci fermiamo a vedere: il castello di Kilchurn, la St. Conan’s Kirk che sembra un set cinematografico da quanto è particolare e il castello di Doune (set cinematografico della serie “Trono di spade”). Infine arrivo a Stirling, prima città vera dopo giorni, con architetture e ingegnerie moderne e che talvolta non ti aspetti.

da Stirling a Edimburgo

Mattinata al castello di Stirling, che le guide non cag***no molto, ma che invece è un signor castello! Vale la pena anche di attraversare il cimitero, molto suggestivo. E poi ci muoviamo verso Edimburgo, allungando un po’ l’itinerario per vedere la Rosslyn Chapel e il Blackness Castle. La cappella di Rosslyn, al di la di tutti i significati massoni, e i riferimenti letterari, è effettivamente affascinante, e il Blackness Castle, proprio perchè non molto affollato, vale la pena anche solo per la vista che ha sulla baia di Edimburgo.

E alla fine…

Dopo 3 mesi riesco finalmente a riordinare le idee e a ricordarmi tutte le emozioni che le coste del nord sempre mi lasciano
Un grande grazie anche ai nostri compagni di viaggio, che ci hanno convinto a “spendere sti quattro schei” e ci hanno fatto da guida, sul serio! Stavolta siamo arrivati quasi ignoranti del luogo!

Consigli di valigia e di abbigliamento

Dipende da che tipo di viaggiatore siete, ma il mio consiglio per la Scozia è di viaggiare con poco, purchè che sia polifunzionale: giacca impermeabile, con interno staccabile in pile che diventa felpa, scarpe impermeabili con suola in vibram (ottime quelle di decathlon!). Ottimo anche un piumino 100 g che si compatta bene in valigia. Come pantaloni, buoni i jeans, tenendo conto che li avrete bagnatini addosso qualche volta, in ogni caso purchè siano qualcosa che si asciuga velocemente al sole o alle bocchette della macchina. In agosto non abbiamo mai avuto problemi di temperatura, ma sono ottime le magliette da escursionismo a mezza manica: occupano poco, si lavano velocemente e si asciugano subito su un termosifone.

Distanza totale: 1994.33 km
Totale salita: 0 m
Totale discesa: 0 m
Scarica

Vuoi dire o chiedere qualcosa? Scrivilo qui!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.