Ferrata Cima Capi e Foletti

La ferrata di Cima Capi è consigliata a tutti i neofiti delle vie ferrate. Il panorama sul lago di Garda è qualcosa di veramente unico e, anche se da sotto la parete appare impressionante, salire non è affatto difficile per chi sia ovviamente attrezzato e, almeno un minimo, allenato. Tutta l’escursione si svolge a quote relativamente basse (sotto i 1000 m.s.l.m.m.) ed è possibile farla subito agli inizi di primavera, quando il caldo è ancora lontano e la neve persiste a quote più alte.

Bellissimo vedere sull’altra sponda del lago di Garda il monte Baldo e Altissimo di Nago ancora innevati. Gli odori di macchia mediterranea di questa particolare zona sono una costante particolarmente gradita salendo da Biacesa la mattina presto.

Come recita la relazione che cito in calce dell’ottimo sito Vieferrate.it:

La via si sviluppa per la maggior parte avanzando su facili roccette,attraversando i resti delle trincee austriache della prima guerra mondiale . Guardando dall’inizio della ferrata,la parete sembra impressionante  ma salendo pian piano,e comunque mai troppo esposti non si hanno impressioni vertiginose,se non sui terrazzini panoramici posti a fianco della via ferrata stessa . Si arriva circa a metà superando una facile cengia ,arrivando ad un punto panoramico dove si ha una splendida visione del gruppo del Monte Baldo,in lontananza si possono gustare le cime del gruppo dell’Adamello e guardando in basso,il lago di Garda nella sua parte alto-centrale. A circa 3/4 della ferrata si trova l’unico punto con un passaggio un pò tecnico,con il quale si aggira un grosso masso,restando “sospesi nel vuoto” . In circa un’ora di via ferrata si raggiunge,senza grosse difficoltà,la Cima Capi (907mt) dove sovrasta il tricolore e il libro di via (2.30h dall’auto) .

Anche durante la salita su questa parete ho visto (e sentito) molti comportamenti pericolosi, da chi, più bravo degli altri andava slegato, a chi era senza kit da ferrata omologato, a chi lo usava in modo errato. Ricordo che la sicurezza in montagna non è un optional, e come ho detto ad una signora che prendeva una parete alla leggera “Basta sbagliare una volta e di scemo ne basta uno solo”.

Vi lascio il link alla relazione, ben fatta e affidabile sui tempi e il tracciato GPS e do spazio a tantissime e belle fotografie.

 

Distanza totale: 7.63 km
Totale salita: 906 m
Totale discesa: -714 m
Scarica

 

Vuoi dire o chiedere qualcosa? Scrivilo qui!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.