Rifugio Mulaz dalla Val Venegia: inizia tranquilla ma ti spacca dopo

L’avevamo schivato già due volte. Entrambe per maltempo. E poi mi dicono “potremmo andare al Mulaz”. Potevamo dire di no?? Manco morti! Partenza ad orario antidiluviano da Padova, ma giornata con meteo ottimo! La Val Venegia ci accoglie veramente bellissima di primo mattino e i primi 4 Km vanno via lisci praticamente in piano su bellissimi prati.

E poi no.

Nel senso che i 900 circa metri di dislivello sono piazzati tutti nei successivi 3 Km. Una “tirata” verso l’alto tutta sotto il sole.

La coppia di amici che ci ha proposto il giro, ci comincia a staccare. Quando vedo Co’ un paio di tornanti sopra sono veramente contento, ci ho provato almeno un trilione di volte a portarlo in montagna! Se parte a fuso così, vuol dire che è fattibile praticamente tutto per lui, e per me è veramente un momento di contentezza.

Poi raccolgo un polmone da terra e mi fermo, Giorgia va in difficoltà (e non è l’unica vicino a noi). Fa niente, siamo attrezzati a bivaccare, mando gli altri avanti e ci vedremo solo dopo al rifugio. Da qui in poi procederemo molto lentamente, il caldo, la colazione non proprio buona e la mancanza di sonno ci bloccano ogni 20 m di salita circa. Ad un certo punto comincio a chiedermi se non sia il caso di scendere, ma ragionando conviene salire al rifugio ed eventualmente dormire lì se è proprio necessario. Il panorama è bello, incontriamo anche le stelle alpine e non rachitiche, ma belle grasse.

Sembra eterna questa salita, ma poi si scende..e si scende..200 m circa e arrivati all’ombra del tetto del rifugio Mulaz e la sua Apfelschoerle mi sembrano il paradiso in terra.

Credo che ognuno abbia una montagna nel cuore che appartiene solo a lui stesso, quelle di Chicca sono queste qui. Siamo felici di essere qui con loro, un piccolo sogno (mio) realizzato.

Pausa, foto di rito, panino acqua e soprattutto una fetta di  Lienzertorte! E poi il rientro, Giorgia sta molto meglio. Io sogno un albero con un po’di ombra e poi alla fine lo ottengo, un sacco di alberi con ombra refrigerante! E sono l’uomo più felice del mondo!

Distanza totale: 13.04 km
Totale salita: 950 m
Totale discesa: -928 m
Scarica

Giorgio M.

Ingegnere, amante della natura e suo frequentatore, da sempre, in molte declinazioni, membro del Club Alpino Italiano, preferisce la montagna ma è curioso di conoscere e scoprire altri ambienti. Ama le altezze, i boschi, i luoghi selvaggi e solitari e gli piacciono i viaggi alla scoperta di cose nuove. Senza la pretesa di essere un esperto, ha aperto questo sito per consigliare e invogliare i più pigri verso le rughe più belle e più nascoste della terra, spesso a due passi da casa. Dettagli attività.

Vuoi dire o chiedere qualcosa? Scrivilo qui!